Domenica 15 Ottobre 2017

 
 

Sagra delle frugiate a Vellano: domenica 8, 15 e 22 ottobre 2017

Anche quest’anno l’immancabile appuntamento con la Sagra delle frugiate a Vellano, giunta alla 50° edizione.
Vari saranno gli eventi che accompagneranno questa festa di 3 giorni che si terrà domenica 8, 15 e 22 ottobre. Mercatini tipici, musei gratuiti e bellezze del territorio da ammirare con il sapore della gastagna ed i colori di questa splendida stagione.
Tutte le iniziative sono ad ingresso libero.

A nord del Comune di Pescia si trova il territorio dell’alta valle del fiume omonimo, chiamata da sempre Valleriana. Rinominata dal ginevrino Sismondi , giunto esule a Pescia alla fine del secolo XVIII, “Svizzera Pesciatina”, è senza dubbio una delle zone più belle della Valdinievole. Per raggiungere questa regione bisogna prendere la via Mammianese nord, direzione Pietrabuona-Abetone.
 
 

Vellano Capoluogo riconosciuto della Svizzera Pesciatina e un tempo rinomata località di villeggiatura, il paese – antico Avellanum – sorge in posizione panoramica sulla valle del fiume Pescia. Noto per la sua Pieve già dal X secolo fu un tempo feudo della famiglia Garzoni, nel 1336 Coluccio Salutati redasse quegli statuti che per lungo tempo ne sancirono le caratteristiche amministrative.
 

Nella parte sottostante al castello, fuori dalle mura, si trova la pieve dei SS. Sisto e Martino, che un tempo era annessa ad una antichissima abbazia benedettina.
A Vellano è rimasta l’unica cava di Pietra Serena in funzione nella provincia di Pistoia.
Oggi nella “Cava Nardini” si continua ad estrarre da oltre 100 anni il prezioso materiale ed a produrre ogni tipo di manufatto, secondo le lavorazioni tradizionali: dal semplice materiale da costruzione, ai manufatti da arredamento e perfino alle sculture, da considerarsi vere e proprie opere d’arte.
Si consiglia una visita al “Museo Storico Etnografico del Minatore e del Cavatore” che espone arnesi da lavoro ed una ricca collezione di minerali.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *