La chiesa collegiata dei Santi Stefano e Niccolao
161 (Large)
 
Ricordata dal 1068 e modificata nel 1331, è stata rimaneggiata nel XVII e XVIII secolo.
L’interno, a tre navate, è caratterizzato da pilastri e lesene con capitelli corinzi in pietra grigia che risaltano sul bianco dell’intonaco.
Sopra la navata maggiore sono collocate alcune vetrate moderne con busti di santi. Fra le opere, un’Annunciazione in legno scolpito e dipinto (XV secolo) detta Madonna dell’Acquavino; San Michele e San Sebastiano, attribuiti ad Agostino Ciampelli; la Liberazione di San Pietro di Alessandro Tiarini (1605-1606); una Madonna col Bambino e angeli, tavola della seconda metà del XIV secolo. Sull’altare maggiore, grande Crocifisso ligneo della seconda metà del XVIII secolo. Dietro l’altare, un pregevole coro ligneo.
 
170 (Large)
L’accesso alla Chiesa con la doppia scalinata
159 (Large)
L’elegante Campanile, dove nel 1445 fu installato il primo orologio pubblico di Pescia. Si trattava di un congegno senza quadrante esterno, collegato solo con una delle campane, come usava in quel periodo storico.
 
Sul lato sinistro della Chiesa, troviamo questa scalinata  denominata ” Scala Santa” che con i suoi  85 scalini, conduce all’istituto S. Domenico.

 

  Scorci dell’interno della Chiesa con immagini di alcune opere

030 (Large)

 
033 (Large)

028 (Large)
029 (Large)
021 (Large)
La Chiesa Collegiata dei Santi Stefano e Niccolao si trova nella zona piu’ antica della citta’ di Pescia, in Piazzetta della Scala Santa, nel Rione Ferraia, le notizie e le immagini proposte in questo articolo meritano un approfondimento con una visita a questa bella ed importante Chiesa insieme a tutta la citta’ ricca di monumenti e di storia. Angoli di Toscana vi augura una buona gita.

Rione Ferraia

Immagini di Piazzetta della Scala Santa in occasione della cena propiziatoria del “Palio degli Arcieri” Citta’ di Pescia.
114 (Large)
 
119 (Large)

 
130 (Large)
127 (Large)
122 (Large)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *