LA NAZIONALE FEMMINILE DI VOLLEY AL PALATERME

download.aspx
 Tre incontri per la nazionale di Cristiano Lucchi: venerdì con l’Austria, sabato con la Lettonia, domenica con l’Ucraina, sempre alle 20,30
 
Manca poco al ritorno del grande volley in terra Toscana. La nazionale di pallavolo femminile scenderà sul campo del Palaterme di Montecatini Terme dal 23 al 25 settembre per conquistare un posto ai prossimi europei contro Austria, Lettonia e Ucraina. Per presentare il torneo di qualificazione sono intervenuti in conferenza stampa, al Comune di Montecatini Terme, il sindaco Giuseppe Bellandi, il presidente Fipav Toscana Elio Sità, il commissario tecnico della nazionale italiana Cristiano Lucchi, e la schiacciatrice azzurra Valentina Tirozzi. Giuseppe Bellandi, sindaco del Comune di Montecatini Terme dice: “Ci tengo a ringraziare la Federazione per aver scelto Montecatini Terme per un evento così importante. Abbiamo già ospitato la pallavolo al Palaterme ed è sempre stata una festa sugli spalti, oltre che in campo: ciò testimonia sia la bellezza di questa disciplina che l’attaccamento degli italiani ad essa. Questo appuntamento sarà un’importante vetrina per la nostra città, che da sempre investe nello sport e crede fortemente nella sua funzione di collante sociale, come dimostrato dalla recente candidatura di Montecatini a Città europea dello sport”. Elio Sità, presidente Fipav Toscana aggiunge: “I rapporti con l’amministrazione sono da sempre di grandissima collaborazione, per cui quando riusciamo cerchiamo di essere presenti in loco. La pallavolo deve essere veicolata per cercare di creare maggiore interesse anche nelle scuole, nelle palestre, verso i giovani. Per tal motivo abbiamo tenuto i prezzi di accesso molto contenuti: la volontà è quella di portare più gente possibile a tifare la Nazionale, per realizzare tre giornate emozionanti di sport”. Cristiano Lucchi, commissario tecnico della nazionale italiana presenta così le gare: “Saranno tre partite importanti e delicate. La gara più pericolosa sarà quella contro l’Ucraina, ma non dobbiamo sottovalutare le altre avversarie del torneo, che contano tra le proprie file alcune individualità importanti. Dobbiamo continuare a crescere come gioco e come squadra, forti delle sicurezze acquisite nei match giocati a Yuzhny”. Valentina Tirozzi, schiacciatrice della nazionale italiana: “Per me è un onore rappresentare la squadra in una competizione così importante. Arriviamo a Montecatini con la voglia di limare le ultime imperfezioni e presentarci al massimo della forma alle tre gare, per raggiungere una qualificazione a cui teniamo molto. Non sarà facile, dovremo mantenere alto il nostro ritmo di gioco e affrontare ogni match con la stessa concentrazione”. Il torneo di qualificazione verrà disputato con la formula del round robin, in cui ciascuna formazione dovrà affrontare tutte le squadre inserite in un apposito girone: solo la prima classificata del pool A strapperà un pass per gli Europei 2017, in programma a Baku e Quba, in Azerbaigian, e a Tbilisi, in Georgia. La seconda arrivata dovrà sostenere un successivo playoff, dal 1 al 9 ottobre, contro la seconda classificata del torneo che si svolgerà in Francia e in Belgio tra le due squadre padrone di casa, la Bosnia Erzegovina e la Spagna. Le azzurre esordiranno al Palaterme venerdì 23 settembre contro l’Austria, per poi sfidare la Lettonia sabato 24 settembre e terminare il torneo contro l’Ucraina domenica 25 settembre, disputando le tre gare sempre allo stesso orario, le 20,30. La nazionale Italiana arriva a Montecatini Terme reduce da una prima fase di qualificazione disputata, sempre con formula round robin, a Yuzhny, in Ucraina, nel quale si sono classificate prime con 3 vittorie e 8 punti, seguite da Ucraina (2 vittorie e 7 punti), Austria (una vittoria e due punti) e Lettonia (zero vittorie e un punto). Sarà importante, dunque, partire subito con risultati positivi per mantenere salda la leadership del Pool A.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *