PrincipeRanocchio

 Dalle pagine dei fratelli GRIMM

“Il principe ranocchio” diventa musical

Domenica 21 febbraio, h. 16.00

Teatro Verdi di Montecatini

statua_verdi


IL PRINCIPE RANOCCHIO il musical
REGIA e LIBRETTO Melina Pellicano

MUSICHE Marco Caselle, Stefano Lori, Gianluca Savia

LIRICHE Marco Caselle

COREOGRAFIE Melina Pellicano

Sul palco del Teatro Verdi di Montecatini domenica 21 febbraio, h. 16.00 dalle pagine dei fratelli Grimm il nuovo musical Il principe ranocchio.

Musicalper famiglie liberamente tratto dalla fiaba dei Fratelli Grimm, con la regia ed il libretto di Melina Pellicano, le musiche di Marco Caselle, Stefano Lori, Gianluca Savia, le liriche di Marco Caselle, Il Principe Ranocchio è una produzione interamente italiana.

Il Musical conduce piccoli e grandi in un mondo magico e divertente, sapendo far riflettere sul valore della diversità.

principe-ranocchio-musical-pranzo

La volontà della Compagnia Bit è stata quella di ispirarsi alla storia dei Fratelli Grimm per dar vita ad uno spettacolo originale e cantato interamente dal vivo, coinvolgente e di alta qualità, che già dalle anteprime di Maggio ha saputo rapire un pubblico di oltre 17.000 spettatori e affezionarlo ai suoi personaggi. Merita attenzione la messa in scena di uno spettacolo del tutto originale nel testo, nelle musiche e nella caratterizzazione dei personaggi.

Melina Pellicano, regista e autrice del libretto dello spettacolo, dichiara che per l’adattamento della fiaba in musical ha riscritto la storia dandole uno sviluppo più ampio e inserendo personaggi originali non presenti nella versione della Fiaba originale. Nel riscrivere la storia – dichiara Melina Pellicano – ho voluto dare un caratterizzazione particolare ad ogni personaggio inventato, tanto da pensarli come dei caratteri da film d’animazione, con una forte personalità, caricaturali, ironici e con un tocco di follia che li rendesse meno umani e più eccentrici, come se fossero disegnati. Il risultato è uno spettacolo divertente e romantico al tempo stesso”.

L’intento della regista è stato quello di scrivere non solo una fiaba, come nella migliore delle tradizioni, ma anche e soprattutto di fare emergere l’ironia come elemento ricorrente di tutto lo spettacolo, attraverso personaggi e aneddoti divertenti e imprevedibili. Tutto ciò aiuta a sottolineare con leggerezza un tema di importanza sociale e quanto mai attuale: la diversità come valore, come ricchezza individuale e come tale potenzialità di ognuno e non qualcosa di cui avere timore.

Ciò che non ci è famigliare ci fa paura e ci destabilizza” – spiega Melina Pellicano – “al contrario, se guardassimo con interesse alla diversità, potremmo scoprire delle possibilità che non farebbero altro che arricchirci”.

BIGLIETTI ON LINE SU www.ticketone.itwww.boxol.itwww.teatroverdimontecatini.it

Info e prenotazioni: 0572 78903 – info@teatroverdimontecatini.it

Biglietti acquistabili anche presso tutti punti vendita di Box Office presenti sul territorio regionale. www.boxofficetoscana.it

Per aggiornamenti sullo spettacolo consultare:

il sito web

www.ilprinciperanocchiomusical.com

IL PRINCIPE RANOCCHIO

REGIA e LIBRETTO Melina Pellicano

MUSICHE Marco Caselle, Stefano Lori, Gianluca Savia

LIRICHE Marco Caselle

COREOGRAFIE Melina Pellicano

Il cast

FROG Marco Caselle

LILIAN Elena Cascelli / Valeria Camici

GERARD Umberto Scida /Enrico Sortino

BASWELIA Lucrezia Bianco

RE Saulo Lucci

SYBILLE Marianna Bonansone

CORTIGIANE/I Elisa Alberghini, Giada Dibisceglia, Federica Maneo, Andrea Mortarino/Federico Senes, Gianluca Multari, Fabrizio Varriale

SCENE Renato Ostorero, Vanni Coppo

COSTUMI Marco Biesta

EFFETTI SPECIALI Alessandro Marrazzo

DIRETTORE DI SCENA Maurizio Dall’Aglio

SOUND DESIGN Fulvio Fusaro

LIGHT DESIGN Lorenza Pasquale

VOCAL COACH Claudio Fabro

DIRETTORE DI PRODUZIONE Chiara Marro

PRODUZIONE Compagnia BIT

DISTRIBUZIONE Equipe Eventi

BIGLIETTI: da € 24 a € 42 (d.p. esclusi)

Sara Bertolozzi
ufficio stampa
________cell. 328 378870

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *