12° Festival Internazionale Armonia fra i Popoli

 
 
 
Dal 27 agosto al 7 settembre prende il via il 12° Festival Internazionale “Armonia fra i Popoli”, che si svolgerà in vari Comuni della Valdinievole.
 

La presentazione è avvenuta stamani nella galleria civica MO.C.A. di Montecatini, durante la conferenza stampa avvenuta alla presenza di una nutrita schiera di amministratori locali, che contribuiranno alla realizzazione del Festival con numerose manifestazioni sul territorio, introdotti dall’organizzatrice Elena Catolfi.
 
 
Quest’anno sarà realizzato anche il 7° Campus Internazionale di alta specializzazione nella Danza che terminerà il 6 settembre con il Gala Finale “Danzare la Pace 2017” al Teatro Yves Montand di Monsummano Terme in cui giovani ballerini provenienti da varie parti del mondo, partecipanti al Campus, danzeranno insieme su uno stesso palcoscenico testimoniando che l’Arte può essere strumento universale di Unità fra i Popoli. Organizzato dall’Associazione Culturale Dancelab Armonia, il Festival vede la direzione artistica di Antonella Lombardo ed è curato da Elisa Catolfi.
“L’Associazione Culturale Dancelab Armonia e insieme ad essa il Festival ” – spiega Antonella Lombardo, direttrice della scuola oltre che presidente dell’Associazione – “nasce nel 2006 dall’esperienza e come espressione del Laboratorio Accademico Danza, scuola riconosciuta Agenzia Formativa dalla Provincia di Pistoia, che da decenni lavora anche nel panorama internazionale collaborando con artisti e personalità di prestigio”.
Obiettivi del Festival sono la ricerca dell’Armonia dell’individuo ma anche delle persone intese come comunità e l’utilizzo dell’ Arte come strumento universale e trasversale di Armonia fra i Popoli. Un progetto il cui fulcro questo anno è il Campus Internazionale di Alta Specializzazione nella Danza che si terrà presso il Lab.Acc.Danza e che vedrà la presenza di giovani ballerini provenienti da Palestina, Israele, Argentina, Colombia, Brasile, Germania, Camerun e da varie parti d’Italia che giornalmente studieranno Danza con insegnanti di grande fama per tutto il periodo del Festival.

 
L’intento è quello di promuovere la formazione di coscienze e atteggiamenti per stabilire rapporti armonici fra CULTURE per creare un clima fecondo di relazioni per il DIALOGO, finalizzate alla comprensione e alla collaborazione INTERCULTURALE.
 
 
Un progetto importante sostenuto dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Pistoia, da tutti I Comuni della Valdinievole, dalla Diocesi di Pescia, che vede il coinvolgimento di molti altri soggetti pubblici e privati, come Unicoop Firenze e Libera, oltre a enti come Croce Rossa, Misericordia, Auser, Diocesi di Pescia, Pubblica Assistenza, Soci Coop Valdinievole e Parrocchia della Madonna della Fontenova. Anche quest’anno nel mese di Luglio, dal 4 al 18, in collaborazione con la Custodia di Terra Santa, si è svolto il Campus d’Arte a Betlemme, in Palestina, che ha coinvolto bambini e ragazzi dei campi profughi e dei territori palestinesi, al quale hanno partecipato 14 giovani del nostro territorio.
Il calendario di iniziative proposte per questa 12° edizione del Festival è volto a promuovere, attraverso l’Arte, una cultura di pace, tolleranza e dialogo fra popoli e culture diverse. Bruno Ialuna, assessore alla cultura del comune di Montecatini. “Un progetto quello del festival che ha raggiunto il suo 12° anno e che testimonia come arte e cultura uniscano i popoli. Mi piace ricordare l’arrivo in Italia e a Montecatini due anni fa dell’artista palestinese Nidaa Badwan, che grazie alle sue foto è riuscita a uscire da una terra di guerra per lanciare il suo messaggio di pace a colori”.
Rinaldo Vanni, presidente della Provincia e sindaco di Monsummano. “Armonia tra i popoli continua a manifestarsi come un progetto che riesce a mettere assieme tanti giovani e tanti popoli in un periodo storico in cui la pace nel mondo sembra non voler esserci. Di festival del genere dovremmo farne uno al mese, un plauso agli organizzatori”. Alessandro Sabella, assessore al turismo e alle manifestazioni del Comune di Pistoia. “La nostra città continua nel suo percorso già iniziato a sostegno dell’iniziativa, segno che la diversità politica spesso non trova ostacoli nella condivisione di progetti interessanti e positivi, con l’obiettivo di coinvolgere i giovani nel modo più concreto e tangibile nella direzione della fratellanza tra i popoli”.
Erminio Maraia, assessore alla cultura del comune di Pieve a Nievole. “E’ un periodo storico in cui si spendono troppe parole sui social mentre servono atti concreti per allontanare la paura del diverso che troppo spesso ci attanaglia. Un festival come questo pone le giuste basi per un nuovo tipo di dialogo sotto ogi punto di vista”. Maria Grazia Baldi, assessore alla cultura del comune di Ponte Buggianese.
“E’ un messaggio forte quello che dal 2013 con Ponte Buggianese portiamo avanti, e che anche quest’anno si ripeterà con la marcia della Pace del 4 ottobre. Un messaggio che arriva soprattutto ai ragazzi delle scuole, più consapevoli di cosa significhi stare assieme agli altri”. Emanuela Bruno, assessore alla cultura di Lamporecchio.
“Con il Comune di Larciano quest’anno abbiamo organizzato una cena di raccolta fondi a giugno che è stata una scommessa vinta e il risultato è stata l’organizzazione di una marcia contro la violenza di genere, che va ad abbinarsi alla partecipazione al Festival che ci permette di avvicinare i nostri ragazzi alla fratellanza”. Giovanni Guarnera, consigliere delegato Comune di Chiesina Uzzanese.
“Un’iniziativa perfetta che si inserisce nell’ottica di prosecuzione dell’ottimo rapporto tra enti locali e nel cartellone di Pistoia Capitale della Cultura che appoggiamo volentieri per offrire un progetto di armonia e di unione manifestato in un cartellone ricco di eventi”. Per il calendario completo degli eventi del Festival che ha inizio il 27 agosto, vedi volantino allegato.

 
Eventi collaterali del Festival, la mostra fotografica “Faccia a faccia con l’altro” e l’apertura serale straordinaria del MO.C.A. – MOntecatini Contemporary Art
Sarà inaugurata in occasione della consegna del premio “Armonia fra i Popoli”, il 1° settembre, la mostra dal titolo “Faccia a faccia con l’altro”. La rassegna vede esposte le foto di Cristiano Marini che, nato ad Orbetello nel ’69 e appassionato di fotografia, ha iniziato da qualche anno a dedicarsi al genere del ritratto sociale considerandolo un importante strumento di inclusione. “Faccia a faccia con l’altro” è, infatti, anche un progetto dedicato principalmente a persone senza dimora e ispirato al pensiero del filosofo Emmanuel Levinas secondo il quale “osservare il volto dell’altro è incontrarlo” : negli scatti di Marini sono i volti a raccontare la storia delle persone, una storia diversa talvolta da quella che ci si può immaginare guardando come o dove esse vivono. I ritratti in mostra sono , dunque, forma artistica e nel contempo strumento di inclusione per ricollocare soggetti emarginati in un contesto di buone relazioni sociali. La mostra allestita al 1° piano del Palazzo Comunale sarà visitabile sino a domenica 24 settembre in orario di apertura del Municipio.
Secondo evento collaterale di questo intenso 1° settembre, l’apertura serale straordinaria del MO.C.A. dalle ore 21.30 alle ore 23.30. Attende i visitatori, l’originale mostra “I Love Basket”. Ingresso gratuito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *