161 (Large)
 

STORIE E PAESAGGI PERDUTI IN TERRA SIRIANA
” Mostra fotografica di Maria Antonia Serafini La mostra fotografica “Sulla via di Damasco. Storie e paesaggi perduti in terra siriana”, ospitata al Museo della Città e del Territorio, resterà aperta e visitabile al pubblico, visto l’interesse che ha suscitato, fino al prossimo17 luglio 2016. L’esposizione raccoglie le fotografie scattate nel corso di un viaggio d’istruzione condotto da Maria Antonia Serafini assieme a studenti, ricercatori e docenti dell’Università degli Studi di Firenze nel settembre del 2010, pochi mesi prima dell’inizio dei moti e dei conflitti che ancora oggi interessano il territorio siriano. L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale “Artumes” e “Le Macchine Celibi” Soc. Cooperativa, ha come obiettivo quello di far conoscere un territorio lontano, ricco di storia, cultura e tradizioni. Il percorso espositivo è articolato in varie “sezioni” quali, paesaggi culturali e antichità, tradizioni e vita quotidiana, volti e incontri speciali. Ogni sezione è corredata da opportune spiegazioni e ogni immagine fotografica sarà integrata con didascalie.
La mostra è aperta con i seguenti orari: lunedì 9.00 -12.00 – da mercoledì a venerdì 16-19; sabato e domenica 9.00-12.00/16-19; chiuso il martedì Per informazioni: Museo della Città e del Territorio – Tel. 0572/95 44 63 – 329 3605964 www.museoterritorio.it – m.giori@comune.monsummano-terme.pt.it
Maria Antonia Serafini Laureata in Archeologia presso l’università degli Studi di Firenze, completa il suo percorso formativo con il conseguimento del diploma di Specializzazione in Beni Archeologici. Dal 2003 partecipa a varie campagne di scavo e collabora con enti pubblici e privati nel campo della divulgazione. Attualmente collabora con il Museo della Città e del Territorio e il Museo di Arte Contemporanea e del Novecento MAC,N di Monsummano Terme. Dal 2013 è socio fondatore e presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Artumes , attiva nel settore culturale.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *