“Cucina popolare e tradizionale legata al Padule di Fucecchio”: Sabato 12 maggio al Museo della Città e del Territorio

 

Sabato 12 maggio, alle ore 16, è in programma l’appuntamento dal titolo Cucina popolare e tradizionale legata al Padule di Fucecchioche si terrà al Museo della Città e del Territorio di Monsummano Terme, con Giuliano Calvetti e Marco De Martin Mazzalon.

L’incontro fa parte del cicloNatura & Cultura – Ambiente, storia e tradizioni del Padule di Fucecchio e dintorni” che prevede da marzo a giugno una ricca serie di appuntamenti con esperti sull’ambiente, la storia e le tradizioni locali della Valdinievole.

Le tradizioni alimentari della Valdinievole, tuttora ben presenti in molti piatti della cucina popolare locale, affondano le loro radici in un passato spesso assai lontano e sono fortemente intrecciate alla evoluzione dei sistemi insediativi, allo sviluppo del territorio, dell’economia agricola, delle relazioni con territori confinanti. Fondamentale è poi l’intreccio fra abitudini, procedure e prodotti appartenenti a culture diverse e, soprattutto, ad epoche diverse.

I territori intorno al Padule di Fucecchio sono divisi in due fasce ben distinte: l’area collinare, abitata fin dall’antichità, e la pianura formatasi a seguito delle opere di bonifica avviata in epoca medievale ma condotta soprattutto a partire dalla metà del ‘500.

Come testimoniato da diversi ritrovamenti archeologici, sia la coltivazione dell’ulivo e della vite che l’allevamento di ovini e bovini destinato alla produzione di carni e formaggi risalgono già all’epoca delle fattorie romane.

Per tutto il periodo medievale i generi alimentari più diffusi in Valdinievole erano forniti dai zone collinari coltivati nella parte più bassa delle zone collinari e nelle poche zone coltivabili di pianura; l’uso della carne era privilegio delle classi più abbienti.

Fra la metà del 1500 e l’inizio del 1800 il paesaggio agrario e antropico della Valle cambia in maniera radicale; nelle “nuove terre” frutto della bonifica, oltre alle colture tradizionali, vengono introdotte nuove specie provenienti dalle Americhe, oltre a prodotti mai coltivati prima nell’area, come il riso.

Accanto alla “nuova” agricoltura, si continuano, naturalmente, a sfruttare le risorse alimentari date dall’area palustre, ovvero il pesce e la selvaggina, che daranno origine ad alcune delle ricette tradizionali più note della Valdinievole.

I partecipanti all’incontro potranno anche visitare la mostra fotografica in corso “Natura in Valdinievole: le gemme del Padule e del Montalbano esposta all’interno del museo.

Il progetto, nato dalla collaborazione fra il Centro RDP Padule di Fucecchio e il Museo della Città e del Territorio, è finanziato dalla Fondazione CARIPT sul bando 2017 “Eventi e attività culturali” con il cofinanziamento del Comune di Monsummano Terme.

Ingresso libero

Per informazioni: Museo della Città e del Territorio

Tel. 0572/959500–954463

museoterritorio@comune.monsummano-terme.pt.it

Centro RDP Padule di Fucecchio

tel. 0573/84540

fucecchio@zoneumidetoscane.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *