Sabato 21 Gennaio 2017 – ore 21,00

<img class="wp-image-14466 size-thumbnail alignleft" src="https://angoliditoscana.it/wp-content/uploads/old/2017/01/Lapparenza-inganna-Sandro-Lombardi-Massimo-Verdastro-regia-Federico-Tiezzi-8-foto-Luca-Manfrini_300x300_acf_cropped-150×150.jpg" width="150" height="150" srcset="https://angoliditoscana cialis en andorre.it/wp-content/uploads/2017/01/Lapparenza-inganna-Sandro-Lombardi-Massimo-Verdastro-regia-Federico-Tiezzi-8-foto-Luca-Manfrini_300x300_acf_cropped-150×150.jpg 150w, https://angoliditoscana.it/wp-content/uploads/old/2017/01/Lapparenza-inganna-Sandro-Lombardi-Massimo-Verdastro-regia-Federico-Tiezzi-8-foto-Luca-Manfrini_300x300_acf_cropped.jpg 300w” sizes=”(max-width: 150px) 100vw, 150px” />

L’APPARENZA INGANNA

 

di Thomas Bernhard

traduzione Roberto Menin

drammaturgia Sandro Lombardi

con Sandro Lombardi e Massimo Verdastro

regia Federico Tiezzi
produzione
Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
Compagnia Lombardi Tiezzi

Lo spettacolo è una coproduzione tra Associazione Teatrale Pistoiese e Compagnia Lombardi-Tiezzi, diretta da uno dei massimi registi italiani, Federico Tiezzi (premio Ubu nel 2000 per questo lavoro).

In un vecchio appartamento di Vienna un vecchio signore in maglietta e mutande striscia sul pavimento alla ricerca della sua limetta per le unghie. Così inizia L’apparenza inganna (1983) del geniale drammaturgo austriaco Thomas Bernhard. Il vecchio signore è Karl, che attende la visita di suo fratello Robert. Sono entrambi anziani. Sono stati l’uno giocoliere, l’altro attore. Adesso sono in pensione. Si fanno visita regolarmente ogni martedì e ogni giovedì. (…) Costruito secondo un procedimento di alternanza tra monologhi e dialoghi, L’apparenza inganna racconta due solitudini: atroci, dolorose ma anche ridicole e beffarde. Il terzo polo della situazione è Mathilde, la defunta moglie di Karl. Il nucleo oscuro del contrasto è legato al testamento di Mathilde che ha lasciato la casetta dei week-end non al marito, ma a Robert. Da questo spunto si innesca un meccanismo a catena che porta i due a escogitare ogni possibile pretesto per soddisfare quelli che sembrano essere, con definizione beckettiana, i bisogni del tormento. (…)

A Bernhard hanno sempre interessato gli attori e ciò emerge splendidamente dalla tessitura di una scrittura drammaturgica, consapevole quanto poche delle possibilità, delle psicologie, delle amarezze e delle euforie degli attori, ai quali Bernhard offre anche con questo testo un combustibile straordinario.

 

Posted from here.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *