080 (Large)
VILLA RENATICO MARTINI
Prossimo appuntamento con il teatro al Mac,n giovedì 1° dicembre 2016 -ULISSE versus ENEA
 
 
 

ulisse_vs_enea_web

Comune di Monsummano Terme – Assessorato alla Cultura

Museo di arte contemporanea e del Novecento

Teatro dei Garzoni in collaborazione con TeatrEuropa di Corsica

 per il ciclo Monsummano per te – Spettacoli da vivere

presentano

 PEOPLE IN MOTION

Performance teatrali ideate e dirette da Orlando Forioso

GIOVEDI 1° dicembre – ore 21.30

#peopleinmotion3

ULISSE versus ENEA

Migrare per forza o per amore

 con

Massimo Bartolesi, Marco Bertini, Sabrina Carrara, Stefano Del Dotto, Lidia D’Errico, Massimo Domini, Jamile Giaffreda, Lisa Papini, Daria Pascu, Tania Pasquinelli.

La canzone “Tutto andrà come deve andare” è composta e cantata da Ciro Lenzi

Regia Orlando Forioso

 Terzo ed ultimo appuntamento del progetto People in motion a cura di Orlando Forioso giovedì 1° dicembre alle ore 21.30 al Museo di arte contemporanea e del Novecento di Monsummano Terme.

Ulisse versus Enea con il sottotitolo Migrare per forza o per amore, è la performance teatrale che gli attori del Teatro dei Garzoni propongono a latere della mostra “Tragitti. Linee di vita nella contemporaneità” ospitata nel museo monsummanese.

Un viaggio, quello proposto dal progetto People in motion, che, con cadenza mensile, ha coinvolto tutti coloro che si sentano pronti ad intraprenderlo, tra attualità e passato, realtà e mito.

Saranno i protagonisti dello spettacolo di giovedì prossimo gli attori Massimo Bartolesi, Marco Bertini, Sabrina Carrara, Stefano Del Dotto, Lidia D’Errico, Massimo Domini, Jamile Giaffreda, Lisa Papini, Daria Pascu e Tania Pasquinelli.

Lo spettacolo, che inizierà alle ore 21.30, per la sua struttura narrativa sarà itinerante negli spazi della villa e richiede una prenotazione obbligatoria al numero telefonico del museo, negli orari di apertura 0572 952140 o inviando una mail all’indirizzo macn.villa@gmail.com

SCHEDA SPETTACOLO

Il mito greco e poi romano ci ha consegnato due tipi di “viaggiatori”: quello che vuole tornare a casa e non ci riesce (Ulisse), e quello che casa non ha più, distrutta dalla guerra, e che si mette in viaggio per trovare un luogo dove vivere (Enea).

All’interno del museo questi due viaggi corrono paralleli o si incontrano. Con tutti i riferimenti all’attualità. Diceva il grande poeta greco Costantino Kavafis: “Se devi tornare ad Itaca, fai che il tuo viaggio sia lungo…“.

Lo spettacolo inizia inaspettatamente con un Consiglio di Amministrazione delle Dee dell’Olimpo. Giovani, moderne, belle, in carriera. Giunone, stanca di stare da millenni alla finestra a guardare gli uomini distruggersi, coinvolge le altre Dee in un revival al femminile del potere: ritornano le Dee in un nuovo mondo della felicità! Secondo la sua idea gli uomini non dovranno più nascondere le loro azioni dietro alla religione, ma dovranno risponderne in prima persona, non più scuse, non più fato, non più destino. Che gli uomini facciano pure le guerre, che diventino terroristi, che facciano pure del male, ma senza dare la responsabilità alla religione. Che vadano verso gli Dei solo quando sono felici, solo quando amano, solo quando non hanno più richieste da fare.

Facile a dirsi, difficile a farsi, soprattutto se proprio queste Dee sono state la causa della prima guerra “letteraria” di formazione dell’occidente, quella tra Atene e Troia. Ma tant’è il tempo passa e la memoria è corta, figuriamoci i millenni.

Due eroi saranno gli “uomini immagine” della nuova religione: Ulisse ed Enea. Ma dovranno raccontare le loro storie prendendosene tutta la responsabilità.

Ma gli Dei sono deboli, gli eroi pure e gli uomini anche, ed i buoni propositi finiscono sempre in farsa e in commedia… da ridere.

Ma in lontananza un canto e una voce (Ciro Lenzi) riporta una realtà che nessuno vuole vedere: il piccolo Aylan, bambino migrante, giace cadavere su di una spiaggia turca e nessuno si dice responsabile.

PEOPLE IN MOTION

è un progetto che cerca di utilizzare il teatro

per investigare sulle inquietudini e le necessità del present

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *