Dal 3 ottobre 2019:

Pomeriggi con l’arte e Domeniche al Mac,n

 

Tornano gli incontri pomeridiani che il Museo di arte contemporanea e del Novecento di Monsummano Terme propone da ottobre 2019 ad aprile 2020 per grandi e piccini.

Il primo incontro del ciclo “Pomeriggi con l’arte” rivolto ad un pubblico adulto appassionato di storia dell’arte, a cura e con Silvia Di Paolo, si terrà giovedì 3 ottobre, alle ore 17, con I due geni a confronto: gli anni romani di Raffaello e Michelangelo”. I due grandiosi artisti, nei primi anni del ‘500, si trovarono a confronto a Roma, chiamati a lavorare in Vaticano dal terribile Giulio II. Uno solare, l’altro tormentato lasceranno, con i loro capolavori, un segno indelebile nella capitale e nella storia dell’arte.

Gli incontri pomeridiani successivi sono previsti nelle seguenti date: 17 ottobre 2019 “Il nuovo Fidia: Antonio Canova”, 31 ottobre 2019 “Là dove tutto è iniziato: il cantiere di Assisi”, 14 novembre 2019 “I poeti della luce e del colore: gli impressionisti”, 21 novembre 2019 “Genio e follia: Vincent Van Gogh”, 5 dicembre 2019 “Tiziano: vibrazioni di colore e luce”, 19 dicembre 2019 “Le Natività nell’arte”, 9 gennaio 2020 “Incredibili sculture”, 23 gennaio 2020 “Maestro e allievo: Correggio e Parmigianino” e 6 febbraio 2020 “Le donne dell’arte”.

Per il ciclo di laboratori “Domeniche al Mac,n”, rivolti a bambini da 6 a 10 anni e famiglie, il primo appuntamento è previsto per domenica 20 ottobre 2019, alle ore 16, conLo zoo di foglie”. Le foglie dell’autunno si trasformeranno in simpatici animaletti: pesci, topolini, uccellini…la fantasia dei bambini darà vita ad un piccolo universo di amici.

Gli appuntamenti domenicali successivi sono i seguenti: 10 novembre 2019 “Il gatto Romero”, 15 dicembre 2019 “Christmas pop up”, 19 gennaio 2020 “Notte d’inverno”, 9 febbraio 2020 “Ti conosco mascherina!”, 22 marzo 2020 “L’albero naif” e 5 aprile 2020 “Uovo decò”.

Tutti i eventi sono gratuiti, ma è obbligatoria la prenotazione, che dovrà pervenire entro le ore 12.30 del giorno precedente (per un massimo di 15 partecipanti).

Per info e prenotazioni:

0572 952140 e 366 5363331

macn.villa@gmail.com

www.macn.it

5 ottobre 2019: Inaugurazione mostra “Alla fine, ai miei occhi eri destinata” e performance teatrale al Mac,n

 
 
Alla fine, ai miei occhi eri destinata”, verso tratto dalla poesia A una polena di Pablo Neruda, è il titolo dalla mostra che dal 5 ottobre al 10 novembre 2019 sarà ospitata al Mac,n il Museo d’arte contemporanea e del Novecento di Monsummano Terme, col tema della figura: intera o ritratta, ferma o in movimento, nuda o vestita.
L’evento, a cura di Paola Cassinelli, prevede l’esposizione di circa quaranta opere con tale soggetto, fra disegni, pitture, sculture, incisioni e video, selezionate tra quelle conservate nella collezione del Mac,n.
Ogni opera si identifica col verso di Neruda, semplice, ricco, profondo, potente, palpitante di emozioni vitali, che racconta il forte smarrimento che procura in un artista l’incontro inatteso con una “musa vagante”: sognata, immaginata o realmente vissuta. Occhi indagatori che inseguono, mani delicate che sfiorano, corpi provocanti che colloquiano maliziosamente, volti sofferenti o gioiosi che trasmettono le loro angosce o la loro soddisfazione, tutte figure, protagoniste o gregarie, che si insinuano nella mente dell’artista e, dopo un processo mentale di selezione e rielaborazione, diventano vere opere d’arte.
Modelle e modelli infiniti e distribuiti nel corso dei secoli, che hanno conquistato l’immortalità grazie alla curiosità di un pittore, di un poeta, di un musicista, di un fotografo, di un film maker; donne e uomini ricordati nella storia per peculiari caratteristiche del loro volto o dei loro corpi, si pensi alle realistiche protuberanze realizzate dal Ghirlandaio sul viso di Francesco Sassetti o alla mano deformata della Dama con l’ermellino di Leonardo da Vinci, o ancora ai numerosi ritratti cubisti delle giovani amanti di Picasso, da Dora Maar a Nusch Eulard.
L’artista ha il potere di rendere un personaggio unico e irripetibile, apprezzabile anche per i suoi difetti fisici, o per quelle semplici ed epidermiche sensazioni che conducono verso il riconoscimento dell’originale. Fisionomica e fisiognomica si fondono e solo la creatività dell’artista riesce a fare dimenticare l’effimera estetica, per una approfondita ricerca dello spirito del ritrattato.
Alessandrini, Amato, Aquila, Bais, Berti, Biagioli, Catastini, Coutaud, Dami, De Angelis, De Poli, Frosini, Gavazzi, Gelli, Giotsas, Giovannelli, Kraczyna, Loffredo, Margheri, Martini, Morellet, Mustica, Noferi, Ori, Orloff, Parnisari, Perniola, Petri, Pignotti, Rosai, Salimbeni, Santos, Sauer, Scotti, Timpani, Viggiano, Vigolo, questi gli artisti selezionati al Mac,n, che con il loro stile, la loro poetica e un linguaggio personale, hanno tradotto la figura umana o si sono auto ritrattati in maniera originale, valorizzando spesso quella parte del volto che sostituisce qualunque altro mezzo di comunicazione: gli occhi.
Alessandrini, De Poli, Loffredo, Margheri, Martini, Petri, Vigolo, attirano, infatti, l’attenzione del pubblico verso lo sguardo che si sofferma a raccontare la storia del protagonista o pone domande perché vuole conoscere il suo osservatore, Gavazzi si dimentica invece delle persone e ritrae la sua giovane bambina di profilo, sottolineando il suo abito variopinto e le sue sgargianti calze gialle e Silvia Noferi mostra la sua figura di spalle, intenta a guardare, si suppone, le cave di Monsummano Alto.
L’ Autoritratto di Vinicio Berti si compone di poche linee geometriche sopra un foglio quadrettato e sistemato su telaio dove la somiglianza non è assolutamente raggiunta tramite il realismo fotografico, all’opposto troviamo l’incisione di Giovanni Timpani che, nella traduzione del suo volto, si attiene ad una descrizione dettagliata. Non mancano anche personaggi fumettistici che Biagioni inserisce nelle sue strisce sul difficile scambio tra uomo e donna.
Una mostra particolare che ha come figura centrale l’uomo, indagato nelle sue infinite sfaccettature.
L’inaugurazione si terrà sabato 5 ottobre 2019 alle ore 16.30 e interverranno Elena Sinimberghi, Assessore alla Cultura del Comune di Monsummano Terme e Paola Cassinelli, Responsabile scientifico del Mac,n e curatrice.
A seguire, la performance teatrale dal titolo Ekphrasiscon il Teatro dei Garzoni, ideata e diretta da Orlando Forioso, in collaborazione con l’Associazione Teatro dei Garzoni e TeatrEuropa di Corsica
Ingresso libero
Sabato 12 ottobre 2019, alle ore 16.30, in occasione della Quindicesima Giornata del Contemporaneo è prevista una visita guidata gratuita alla mostra “Alla fine, ai miei occhi eri destinata” della durata di un’ora. Prenotazione obbligatoria entro le ore 19 di venerdì 11 ottobre 2019 (0572 952140 – 366 536 3331)
Giovedì 17 ottobre 2019, alle ore 21.15, nell’ambito della mostra “Alla fine, ai miei occhi eri destinata”, performance musicale dal titolo “I only have eyes for you”, pianoforte e voce con il Duo LukeAllyson, in collaborazione con la Filarmonica “Vittorio Bellini” di Monsummano Terme.
Ingresso libero
La mostra è realizzata grazie al contributo della Regione Toscana.
Orario:
lun. giov. ven. 16-19 (ora legale) 15.30-18.30 (ora solare); merc. 9.30-12.30;
sab. dom. 9.30-12.30/16-19 (ora legale) 15.30-18.30 (ora solare); chiuso il martedì.
Ingresso gratuito
Informazioni: Museo: 0572.952140
www.macn.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *