Il Mondo straordinario delle Farfalle

– Sabato 5 dicembre al Centro Visite di Castelmartini il secondo incontro del ciclo “Nonsolopadule”.

Vanessa cardui (foto Alessio Bartolini) - Copia(Vanessa cardui)

Dopo il grande successo di pubblico e di gradimento del primo appuntamento sugli uccelli nell’arte e nella letteratura, sabato 5 dicembre (ore 16) si terrà presso la saletta del Centro Visite della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio a Castelmartini il secondo incontro del ciclo “Nonsolopadule”, stavolta su “Il mondo straordinario delle farfalle”.
In programma gli interventi di Alessandra Sforzi, entomologa, su “Dal bruco alla farfalla: ecologia e biologia del più trasformista gruppo di insetti” e di Alessio Bartolini, dottore forestale, su “Cenni sulla conservazione delle farfalle, con particolare riferimento al contesto della Valdinievole”.
Podalirio (foto Enrico Zarri)

(Podalirio)

L’aspetto leggiadro delle farfalle che ci è familiare è il frutto di una gamma vastissima di strategie evolutive, finalizzate alla difesa dalla predazione, a procurarsi il cibo, a favorire l’incontro fra i partner ecc.
Scopo di questo incontro è fare una panoramica, con taglio divulgativo, sull’ecologia, la biologia e la conservazione di questo gruppo di insetti (ordine dei Lepidotteri) che, insieme ai fiori delle piante vascolari, dà luogo ad una delle simbiosi dagli effetti paesaggistici più rilevanti.

Vanessa atalanta (foto Stefano Petrassi)(Vanessa atalanta)

Sarà quindi anche l’occasione per fare un cenno sulle problematiche di conservazione in Valdinievole, divulgare le iniziative del Centro a favore degli insetti pronubi e offrire indicazioni su ciò che ciascuno può fare nel proprio giardino o balcone.
Il Padule di Fucecchio, ben noto per la presenza di numerose specie di uccelli, ospita anche alcune farfalle rare e minacciate a livello europeo come la Polissena (Zerynthya cassandra) e la Licena delle paludi (Lycaena dispar).

La Polissena è tra le più belle farfalle diurne italiane; un tempo comune nelle zone umide risulta oggi assai rara, sia per la riduzione degli ambienti palustri a causa delle bonifiche, sia per la conseguente scomparsa delle piante del genere Aristolochia di cui si nutre il bruco.

Licena delle paludi (foto di Alessio Bartolini)(Licena della Palude)

Anche la Licena delle paludi è specie è minacciata in tutto l’areale di distribuzione, sebbene sia protetta in vari paesi d’Europa; la principale causa della diminuzione delle popolazioni è la totale scomparsa o la riduzione dell’habitat rappresentato da paludi, acquitrini e prati umidi.
Oltre agli interventi di gestione nell’area protetta, Il Centro ha intrapreso negli ultimi anni diverse azioni per l’incremento della biodiversità locale, fra cui un progetto per la diffusione dei “wildflowers” di cui beneficiano anche le farfalle ed altri insetti.
L’appuntamento fa parte del ciclo “NONSOLOPADULE – Incontri fra storia, natura e cultura” organizzato dal Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio; sabato 12 dicembre è previsto l’ultimo incontro su “Paludi, boschi, fiumi tra Valdarno e Valdinievole. Studi di storia d’ambiente.” con il professor Alberto Malvolti.

Polissena (foto Alessio Bartolini)(Poloissena)

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero (sarà gradito un eventuale contributo per le attività del Centro): info Centro RDP Padule di Fucecchio Onlus, tel. 0573/84540, email fucecchio@zoneumidetoscane.it, pagine web www.paduledifucecchio.eu e pagina Facebook “Padule di Fucecchio”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *